L'ubbidienza di a fede

 

Avà à quellu chì vi pò rinfurzà,
secondu u mo evangeliu è a proclamazione di Ghjesù Cristu ...
à tutte e nazioni per fà l'ubbidenza di a fede ... 
(Rom 16: 25-26)

... s'hè umiliatu è diventò ubbidiente finu à a morte,
ancu a morte nantu à una croce. (Fil 2: 8)

 

Ddiu deve esse scuzzulate u so capu, se micca ridendu di a so Chjesa. Perchè u pianu chì si sviluppa da l'alba di a Redenzione hè stata per Ghjesù per preparà per ellu stessu una sposa chì hè "Senza macchie, nè rughe, nè una cosa simile, per ch'ella sia santa è senza difetti" (Eph. 5:27). È ancu, alcuni in a ghjerarchia stessa[1]cf. U prucessu finale sò ghjunti à u puntu di inventà modi per e persone di stà in u peccatu mortale ughjettivu, è ancu sentenu "benvenuti" in a Chjesa.[2]In verità, Diu accoglie tutti per esse salvatu. A cundizione per sta salvezza hè in e parolle di u nostru Signore stessu: "Pentitevi è crede in u Vangelu" (Marcu 1:15) Chì visione assai diversa da quella di Diu ! Chì abissu immensu trà a realità di ciò chì prufeticamente si sviluppa à st'ora - a purificazione di a Chjesa - è ciò chì certi vescovi pruponenu à u mondu !Cuntinuà lettura

Footnotes

Footnotes
1 cf. U prucessu finale
2 In verità, Diu accoglie tutti per esse salvatu. A cundizione per sta salvezza hè in e parolle di u nostru Signore stessu: "Pentitevi è crede in u Vangelu" (Marcu 1:15)