prupòsitu di lu

MARC MALLETT hè un cantadore / cantautore è missiunariu cattolicu rumanu. Hà realizatu è predicatu in l'America di u Nordu è in l'esteru.

I messaghji publicati nant'à stu situ web sò u fruttu di a preghera è di u ministeru. Ogni publicazione chì cuntene elementi di "rivelazione privata" hè stata sottumessa à u discernimentu di u direttore spirituale di Mark.

Visite u situ ufficiale di Mark 0 è esplorate a so musica è u so ministeru à:
www.markmallett.com

A nostra Política di privacy

Cuntattate

Una lettera di felicità da u Vescu di Mark, Reverendu Mark Hagemoen di a Saskatoon, SK Diocesi:

U seguitu hè un estrattu da u libru di Mark, A Cunfusione Finale... è spiega l'impulsu daretu à stu blog.

U Chjamatu

MY Ghjorni cum'è reporter di televisione sò ghjunti à a fine è i mo ghjorni cum'è evangelizatore cattolicu à tempu pienu è cantadore / cantautore cumincianu. Hè in questa fase di u mo ministru chì di colpu una nova missione mi hè stata data ... una chì forma l'impulsu è u cuntestu di stu libru. Perchè vedrete chì aghju aghjuntu alcuni di i mo penseri è "parole" chì aghju ricevutu per preghiera è discernutu in direzzione spirituale. Sò, forse, cume piccule luci chì indicanu a Luce di a Rivelazione Divina. A seguita hè una storia per spiegà sta nova missione in più ...

D'aostu di u 2006, stava à pusà à u pianoforte cantendu una versione di a parte di a messa "Sanctus", chì avia scrittu: "Santu, Santu, Santu ..." Di colpu, aghju avutu un forte desideriu d'andà à pregà davanti à u Santissimu Sacramentu.

À a chjesa, aghju cuminciatu à pricà l'Uffiziu (e prighere ufficiali di a Chjesa fora di a messa.) Aghju rimarcatu subitu chì l '"Innu" era a listessa parolla chì aviu appena cantatu: "Santu, santu, santu! Signore Diu Onniputente ...»U mo spiritu hà cuminciatu à accelerà. Aghju cuntinuvatu, pricendu e parolle di u salmista: «Aghju purtatu l'offerta brusgiata in casa vostra; à voi aghju da pagà i mo voti ... "In u mo core s'hè sviluppatu una grande brama di dàmi cumpletamente à Diu, in un modu novu, à un livellu più prufondu. Pruvava a preghiera di u Spìritu Santu chì "intercede cù gemiti inesprimibili»(Rum 8:26).

Mentre parlava cù u Signore, u tempu paria scioglie si. Aghju fattu ghjuramentu persunale per ellu, tuttu u tempu sintendu in mè un zel crescente per l'anime. È cusì aghju dumandatu, se serà a so vulintà, per una piattaforma più grande da cui sparte a Bona Nova. Aviu avutu in mente u mondu sanu! (Cum'è evangelizatore, perchè vuleria lancià a mo rete solu à poca distanza da a costa? Vuliu trascinallu in tuttu u mare!) Di colpu era cum'è chì Diu avia rispostu ind'i preghieri di l'Uffiziu. A Prima Lettura era di u libru di Isaia è era intitulata "A chjama di u prufeta Isaia".

I Serafini eranu di pusazione sopra; ognuna d'elle avia sei ali: cù duie anu velatu a faccia, cù duie anu velatu i so pedi, è cù duie si stavanu sopra. "Santu, santu, santu hè u Signore di l'armate!" si mughjavanu unu à l'altru ". (Isaia 6: 2-3)

Aghju cuntinuvatu à leghje cumu i Serafini volonu allora versu Isaia, toccendu e so labbre cù una brace, santificendu a so bocca per a missione à vene. "À quale aghju da mandà? Quale anderà per noi?"Isaia risponde,"Eccu, mandami!»Di novu, era cum'è se a mo prima cunversazione spontanea si stia sviluppendu in stampa. A lettura cuntinuau chì Isaia serà mandatu à un populu chì ascolta ma ùn capisce micca, chì guarda ma ùn vede nunda. A Scrittura pareva implicà chì a ghjente sia guarita una volta ascoltata è guardata. Ma quandu, o "quantu tempu?»Dumanda Isaia. U Signore rispose:Finu à chì e cità sianu desolate, senza abitanti, case, senza omu, è a terra sia un rughjone desolatu.»Vale à dì, quandu l'umanità hè stata umiliata è messa in ghjinochje.

A seconda lettura era di San Ghjuvanni Crisostomu, parolle chì parianu chì mi fussinu state dite direttamente:

Sì u sale di a terra. Ùn hè micca per voi stessu, dice, ma per u mondu di u mondu chì a parolla vi sia affidata. Ùn ti mandu micca in duie cità solu o dece o vinti, micca in una sola nazione, cum'è aghju mandatu i prufeti di l'antichità, ma in terra è in mare, in u mondu sanu. È quellu mondu hè in un statu miserabile ... richiede di questi omi quelle virtù chì sò particolarmente utili è ancu necessarie se anu da suppurtà u pesu di parechji ... anu da esse insegnanti non solu per a Palestina ma per u tuttu mondu. Ùn vi maravigliate, allora, dice, chì mi rivolgiu à parte voi da l'altri è vi involucru in una impresa cusì periculosa ... più grande hè l'imprese messa in e vostre mani, più devete esse zeli. Quandu ti malediscenu è ti perseguitanu è ti accusanu di ogni male, ponu avè paura di vene avanti. Dunque dice: "A menu chì ùn siate priparati per questu tipu di cose, hè in vain chì ti aghju sceltu. E maledizioni saranu necessariamente u vostru lottu ma ùn vi feranu micca male è saranu simpliciamente una testimonianza di a vostra custanza. Se per paura, tuttavia, ùn riesci micca à mustrà a forza chì a vostra missione richiede, a vostra sorte serà assai peghju ". —St. Ghjuvanni Crisostomu, Liturgia di l'Ore, Vol. IV, p. 120-122

L'ultima frase m'hà veramente colpita, perchè ghjustu a notte nanzu, mi preoccupava di a mo paura di predicà postu chì ùn aghju nè collu clericale, nè gradu teologicu, nè [ottu] zitelli da furnisce. Ma sta paura hè stata risposta in u Responsory seguente: "Riceverete u putere quandu u Spìritu Santu vene nantu à voi - è sarete i mo testimoni di l'estremità di a terra".
A stu mumentu, eru annullatu da ciò chì u Signore mi paria dì: chì mi chjamavanu per esercità u carisma prufeticu ordinariu. Da una parte, aghju pensatu chì era piuttostu presuntuosu di pensà cusì. Da l'altra parte, ùn pudia spiegà e grazie soprannaturali chì stavanu affaccendu in mè.
A mo testa girendu è u mo core in fiamme, sò andatu in casa è aghju apertu a mo Bibbia è lettu:

Staraghju à u mo postu di guardia, è mi metteraghju nantu à u bastione, è guardaraghju per vede ciò ch'ellu mi dicerà, è chì risposta darà à a mo lagnanza. (Habb 2: 1)

Hè in realtà ciò chì u Papa Ghjuvan Paulu II hà dumandatu à noi ghjovani quandu ci simu riuniti cun ellu à a Ghjurnata Mundiale di a Ghjuventù in Toronto, Canada, in u 2002:

In u core di a notte ci pudemu sente spaventati è insicurati, è aspettemu impaciente a venuta di a luce di l'alba. Cari ghjovani, tocca à voi à esse i guardiani di a mattina (cf. Is 21: 11-12) chì annunziate a venuta di u sole chì hè u Cristu Risortu! -Messaghju di u Santu Babbu à a Ghjuventù di u Mondu, XVII Ghjurnata Mundiale di a Ghjuventù, n. 3

I giovani anu dimustratu d'esse per Roma è per a Chjesa un rigalu speciale di u Spìritu di Diu ... Ùn esitò à dumandalli di fà una scelta radicale di fede è di vita è di presentassi cun un stupidu compitu: diventà "matina" vigilanti ”à l’alba di u novu millenniu. —POPE Ghjuvanni PAUL II, Novu Millenniu Inuente, n. 9

Questa chjama à "guardà" hè stata ripetuta da u papa Benedettu in Australia quandu hà dumandatu à i ghjovani di esse messageri di una nova era:

Empowered da u Spìritu, è basatu nantu à a ricca visione di a fede, una nova generazione di cristiani hè chjamata per aiutà à custruisce un mondu induve u donu di a vita di Diu sia accoltu, rispettatu è apprezzatu - micca rifiutatu, temutu cum'è una minaccia è distruttu. Una nova era in cui l'amore ùn hè micca ingordu o cercante di sè, ma puru, fidu è genuinamente liberu, apertu à l'altri, rispettendu a so dignità, circendu u so bè, irradia gioia è bellezza. Una nova era in cui a speranza ci libera da a poca profondità, l'apatia, è l'assorbimentu di sè chì ammutuliscenu e nostre anime è avvelenanu e nostre relazioni. Cari giovani amichi, u Signore vi dumanda di esse prufeti di sta nova era ... — BENEDETTO DI POPE XVI, Omelia, Ghjurnata Mundiale di a Ghjuventù, Sydney, Australia, u 20 di lugliu di u 2008

Infine, aghju avutu a voglia di apre u Catechisimu - un vulume di 904 pagine - è, senza sapè ciò chì truveraghju, aghju giratu direttamente à questu:

In i so scontri "unu à unu" cun Diu, i prufeti attiranu luce è forza per a so missione. A so preghiera ùn hè micca fughjita da stu mondu infidele, ma piuttostu attenzione à a Parolla di Diu. A volte a so preghiera hè un argumentu o una lagnanza, ma hè sempre una intercessione chì aspetta è si prepara per l'intervenzione di u Salvatore di Diu, u Signore di a storia. -Catechismu di a chiesa cattolica (CCC), 2584, sottu à a rubrica: "Elia è i prufeti è cunversione di core"

A ragione per a quale scrivu quì sopra ùn hè micca per dichjarà chì sò prufeta. Sò simpliciamente musicante, babbu è seguitore di u Falegname di Nazaretta. O cum'è dice u direttore spirituale di sti scritti, sò solu "u currieru di Diu". Cù a forza di sta sperienza davanti à u Santissimu Sacramentu, è l'assicuranze chì aghju ricevutu per direzzione spirituale, aghju cuminciatu à scrive secondu e parolle chì sò state messe in u mo core è basate annantu à ciò chì aghju pussutu vede nantu à u "bastione".

U cumandamentu di a Beata Signora à Santa Catalina Labouré forse riassume megliu ciò chì hè stata a mo sperienza persunale:

Viderete certe cose; date un contu di ciò chì vedi è sentite. Serete inspiratu in e vostre preghere; date un contu di ciò chì ti dicu è di ciò chì capiscerete in e vostre preghere. —St. Catalina, Autografu, U 7 di ferraghju di u 1856, Dirvin, Santa Catalina Labouré, Archivi di e Figlie di a Carità, Parigi, Francia; p. 84


 

Prufeti, veri prufeti, quelli chì risicheghjanu u collu per avè pruclamatu "a verità"
ancu s'ellu ùn hè micca cunfortu, ancu se "ùn hè micca piacevule à sente" ...
«Un veru prufeta hè quellu chì hè capace di pienghje per u populu
è di dì cose forti quandu ci vole ".
A Chjesa hà bisognu di prufeti. Sti tipi di prufeti.
«Diceraghju di più: Ella hà bisognu di noi tuttu per esse prufeti ".

—PAPA FRANCISCU, Omelia, Santa Marta; 17 d'aprile, 2018; Insider Vaticano

Comments sò chjusi.