Tutte e Nazioni?

 

 

FROM un lettore:

In una omelia di u 21 di ferraghju di u 2001, u papa Ghjuvan Paulu hà accoltu, in e so parolle, "ghjente di ogni parte di u mondu". Ellu cuntinuau dicendu:

Venite da 27 paesi di i quattru cuntinenti è parlate diverse lingue. Ùn hè micca questu un segnu di a capacità di a Chjesa, avà ch'ella si hè diffusa in ogni angulu di u globu, per capisce i populi cù tradizioni è lingue sfarente, per purtà à tutti u messagiu di Cristu? -JOHN PAUL II, Omelia, 21 Frivaru 2001; www.vatica.va

Ùn custituisce micca questu un cumplimentu di Matt 24:14 induve dice:

Stu Vangelu di u regnu serà predicatu in u mondu sanu, cum'è testimoniu per tutte e nazioni; è dopu a fine vene (Matt 24:14)?

 

A GRANDE CUMISSIONE

Cù l'avventu di i viaghji aerei, a TV è a tecnulugia cinematografica, l'internet, è a capacità di publicà è stampà in parechje lingue, u putenziale per ghjunghje à tutte e nazioni cù u missaghju di u Vangelu oghje supera assai ciò chì a Chjesa hà sappiutu rializà in u passatu seculi. Senza dubbitu, a Chjesa si pò truvà in "ogni angulu di u globu".

Ma ci hè di più in a prufezia di Cristu chì u "u Vangelu di u regnu serà predicatu in u mondu sanu."Prima di cullà in Celu, Ghjesù hà urdinatu à l'Apostuli di:

Andate dunque, è fate discepuli di tutte e nazioni ... (Matt 28:19)

Ghjesù ùn hà micca dettu di fà discepuli in tutte e nazioni, ma facenu discepuli of tutte e nazioni. E nazioni in generale, parlendu in generale (postu chì l'anime individuale resteranu sempre libere di ricusà u Vangelu), devenu esse trasformate Cristianu nazioni.

Mentre tutte e nazioni sò capite da alcuni studiosi chì si riferiscenu solu à tutti i pagani, hè probabile chì includissi ancu i Ghjudei. —Nota di nota, Nova Bibbia Americana, U Novu Testamentu Rivedutu

Inoltre, Ghjesù aghjusta ...

... battezienduli in nome di u Babbu, è di u Figliolu, è di u Spìritu Santu, insegnenduli à osservà tuttu ciò chì ti aghju urdinatu. (Matt 28: 19-20)

E nazioni, è i so populi, anu da esse battezi-ma in chì? In a roccia chì Cristu stessu hà stabilitu: a Chjesa cattolica. È e nazioni anu da esse insegnate tuttu ciò chì Ghjesù hà urdinatu: tuttu u depositu di a fede affidatu à l'Apostuli, a pienezza di a verità.

Permettimi allora di aghjunghje un'altra dumanda à a nostra prima: Hè ancu realistu, ancu menu pussibule? Risponderaghju prima.

 

A PAROLA DI DIO È INQUISIBILE

U Spìritu Santu ùn parla micca in vain. Ghjesù ùn era micca un pensatore desiderante, ma u Diu-omu "chì vole à tutti di esse salvati è di cunnosce a verità " (1 Tim 4: 2).

Cusì serà a mo parolla chì esce da a mo bocca; Ùn mi ritorna nulla, ma farà a mo vulintà, uttenendu a fine per a quale l'aghju mandata. (Isaia 55:11)

Sapemu chì U Venutu Dominiu di a Chjesa hè prumessu micca solu in e parolle di Cristu, ma in tutte e Scritture. U Libru di Isaia principia cù una visione induve Sione, un simbulu di a Chjesa, diventa un centru di autorità è istruzzioni tutte e nazioni:

In i ghjorni à vene, a muntagna di a casa di u SIGNORE serà stabilita cum'è a muntagna più alta è alzata sopra à e muntagne. Tutte e nazioni scurrerà versu ellu; numerosi pòpuli vinaranu è diceranu: "Venite, cullemu nantu à a muntagna di u SIGNORE, à a casa di u Diu di Ghjacobbu, affinch'ellu ci insegni i so camini, è noi marchjemu in i so camini". Perchè da Sion esce l'istruzzioni, è a parolla di u Signore da Ghjerusalemme. Ghjudicherà trà e nazioni, è impunerà termini à parechji populi. Anu da batte e so spade in pezzi di aratu è e so lance in ganci di poda; una nazione ùn alzerà micca a spada contr'à un'altra, nè si furmeranu di novu per a guerra. (Isaia 2: 2-4)

Certamente, à un livellu, a Chjesa brilla dighjà cum'è un candileru di verità à u mondu. I populi di ogni nazione sò scorsi versu u so senu per scuntrà a "luce di u mondu" è u "pane di vita". Ma a visione di Isaia hà un significatu più prufondu più letterale, unu capitu da u Babbu di a Chjesa per riferisce à un "era di a pace"Quandu e nazioni" batteranu e so spade in arate è e so lance in i ganci di poda "è" ùn alzeranu micca a spada contr'à un'altra "(vede A Venuta di u Regnu di Diu). In quellu tempu di pace, ciò chì i Padri anu chjamatu "riposu di sabbatu", a Chjesa serà "stabilita cum'è a più alta muntagna è alzata sopra à e colline". Micca solu teologicamente, micca solu spiritualmente, ma in realtà e veramente.

"È senteranu a mo voce, è ci serà una piega è un pastore". Chì Diu ... porti à pocu tempu a so realizazione a so prufezia per trasfurmà sta visione cunsulatrice di l'avvene in una realità presente ... Hè compitu di Diu di realizà st'ora felice è di fà la cunnosce à tutti ... Quandu ghjunghjerà, turnerà à esse una ora sulenne, una grande cun cunsequenze micca solu per a ristaurazione di u Regnu di Cristu, ma per a pacificazione di ... u mondu. Preghemu cun più fervore, è dumandemu à l'altri di pricà per sta pacificazione tantu desiderata di a sucietà. —PAPA PIUS XI, Ubi Arcani dei Consilioi "On a Pace di Cristu in u so Regnu", Dicembre 23, 1922

Hè in questu tempu chì dui Ghjudeu è Gentile venerà à abbraccià u Vangelu; chì e nazioni diventeranu veramente cristiane, cù l'insignamenti di a Fede cum'è guida; è u "regnu di Diu" temporale si sparghjerà à e coste più luntane.

U viaghju di a [Chjesa] hà ancu un caratteru esternu, visibile in u tempu è u spaziu induve storicamente si svolge. Perchè a Chjesa "hè destinata à estende à tutte e regioni di a terra è cusì per entrà in a storia di l'umanità" ma in listessu tempu "trascende tutti i limiti di u tempu è di u spaziu". —POPE Ghjuvanni PAUL II, Redemptoris Mater, micca. 25

In una parolla, u mondu hà da diventà "cattolicu" - in realtà universale. Parlendu di e "trè cunversioni" di u beatu cardinale John Henry Newman, papa Benedettu ricenti capì chì u terzu era di abbraccià u Cattolicesimu. Questa terza cunversione, hà dettu, facia parte di l'altri "passi longu à un caminu spirituale chì ci cuncernanu tuttu. " Tutti. Cusì, per risponde à a nostra dumanda, una tale trasfurmazione di a sucietà, ancu se imperfetta - chì a perfezione ùn vene chè à a fine di i tempi - ùn hè micca solu realista, ma pare, certa.

Cunsigliemu chì un regnu ci hè prumessu à noi nantu à a terra, puru siddu prima di u celu, solu in un altru statu di l'esistenza; in quantu serà dopu a risurrezzione di mille anni in a cità divinamente custruita di Ghjerusalemme ... —Tertulianu (155–240 AD), Babbu Chjesa Nicene; Avversu Marcion, Padri Ante-Niceni, Editori Henrickson, 1995, Vol. 3, pp. 342-343); cf. Rev 20: 1-7

 

SEMPRE INIZIU

In risposta à a seconda dumanda, avemu rispostu à a prima: u Vangelu hà micca statu predicatu in tuttu u tuttu mondu, malgradu l'intrusione chì i missiunarii cristiani anu fattu. A Chjesa ùn hà ancu fattu discepuli tutte e nazioni. A Chjesa cattolica ùn hà ancu spartu i so rami à l'estremità di a terra, a so ombra sacramentale cascendu nantu à tutta a civiltà. U Sacru Cuore di Ghjesù ùn hà ancu battutu in ogni terra.

A missione di u Cristu Redentore, chì hè affidata à a Chjesa, hè sempre assai luntana da u cumpiimentu. Quandu u secondu millenniu dopu à a venuta di u Cristu tocca à a so fine, una visione generale di a razza umana mostra chì sta missione hè sempre solu à l'iniziu è chì duvemu impegnamoci di tuttu core à u so serviziu. —POPE Ghjuvanni PAUL II, Redemptoris Missio, n. 1

Ci sò e regione di u mondu chì aspettanu sempre una prima evangelizazione; altri chì l'anu ricevutu, ma anu bisognu di un'intervenzione più prufonda; ancu altri in chì u Vangelu hà messu e radiche assai tempu fà, dendu origine à una vera tradizione cristiana ma in cui, in l'ultimi seculi - cù dinamiche cumplesse - u prucessu di secularizazione hà pruduttu una seria crisa di u significatu di a fede cristiana è di appartenendu à a Chjesa. —PAPA BENEDETTU XVI, Primi Vespri di a Solennità di San. Petru è Paulu, u 28 di ghjugnu di u 2010

Per un essere umanu, 2000 anni sò assai. Per Diu, hè più cum'è un paiu di ghjorni (cf. 2 Pt 3: 8). Ùn pudemu micca vede ciò chì Diu vede. Solu Ellu capisce tuttu u scopu di i so disegni. Ci hè un misteriosu pianu divinu chì si hè sviluppatu, si sviluppa, è ferma à esse rivelatu in a storia di a salvezza. Ognunu avemu una parte da ghjucà, quantunque sia significativu o micca pò cumparisce (fighjà Pò Esse Luce?). Dittu chistu, paremu esse nantu à a soglia di una grande era missionaria, una "nova primavera" di a Chjesa in u mondu ... Ma prima chì vene a primavera, ci hè inguernu. È chì duvemu passà per primu: u fine di st'epica, è u principiu di una nova. 

Vecu a nascita di una nova era missionaria, chì diventerà un ghjornu radiante chì porterà una ricolta abbondante, se tutti i cristiani, è i missionarii è e chjese giovani in particulare, rispondenu cun generosità è santità à e chjame è à e sfide di u nostru tempu. —POPE Ghjuvanni PAUL II, Redemptoris Missio, n. 92

 

LETTURA è VISTA CORRELATA

Cambiamentu di Stagioni

A Stagione di a Fede

Watch: A Nova Evangelizazione chì vene

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF è Email
Posted in Home, FEDE È MORALE e nella , , , , , , , , , .

Comments sò chjusi.