Cummunione in manu? Pt II

 

SANTI Faustina conta chì u Signore hè diventatu scuntentu di certe cose chì si facianu in u so cunventu:

Un ghjornu Ghjesù mi disse: Vogliu lascià sta casa... Perchè ci sò cose quì chì mi dispiace. È l'Ostia esce da u tabernaculu è ghjunse à riposu in e mo mani è eiu, cun gioia, l'aghju ritruvatu in u tabernaculu. Questu hè stata ripetuta una seconda volta, è aghju fattu a stessa cosa. Malgradu questu, hè accadutu una terza volta, ma l'Ostia hè stata trasfurmata in u Signore Ghjesù, chì m'hà dettu, ùn aghju più stà quì ! À questu, un amore putente per Ghjesù s'hè suscitatu in a mo ànima, aghju rispostu: "È eiu, ùn ti lasciaraghju micca lascià sta casa, Ghjesù!" È di novu Ghjesù sparì mentre l'Ostia era in e mo mani. Una volta l'aghju tornatu in u calice è l'aghju chjusu in u tabernaculu. È Ghjesù stava cun noi. M'impegnu à fà trè ghjorni d'adorazione per via di riparazione. -Misericordia Divina in A Mi Anima, Ghjurnale, n. 44

Un'altra volta, Santa Faustina hà assistitu à a messa cù l'intenzione di fà riparazioni offense contru à Diu. Ella hà scrittu:

Era u mo duvere di fà ammenda à u Signore per tutti l'offese è l'atti di disrispettu è di pricà chì, in questu ghjornu, ùn sia micca fattu un sacrilegiu. Stu ghjornu, u mo spiritu hè statu infiammatu cù un amore speciale per l'Eucaristia. Mi paria chì eru trasfurmatu in un focu ardente. Quandu stava per riceve a Santa Cumunione, una seconda Ostia cascò nantu à a manica di u prete, è ùn sapia micca chì l'ostia aghju da riceve. Dopu avè esitatu un mumentu, u prete fece un gestu impaziente cù a manu per dì ch’e aghju da riceve l’ostia. Quandu aghju pigliatu l'Ostia ch'ellu m'hà datu, l'altru hè cascatu nantu à e mo mani. U prete si n'andò longu à l'altare per sparghje a Cumunione, è aghju tenutu u Signore Ghjesù in e mo mani per tuttu quellu tempu. Quandu u prete s'avvicinò di novu, aghju alzatu l'Ostia per ellu per rinvià in u calice, perchè quandu aghju ricevutu à Ghjesù ùn pudia parlà prima di cunsumà l'Ostia, è cusì ùn pudia micca dì chì l'altru era cascatu. Ma mentre teneva l'Ostia in manu, mi sentu un tale putere d'amore chì per u restu di a ghjurnata ùn pudia nè manghjà nè vene à i mo sensi. Aghju intesu queste parolle da l'Ostia: Vuliu ripusà in e vostre mani, micca solu in u vostru core. È in quellu mumentu aghju vistu u picculu Ghjesù. Ma quandu u prete s'avvicinò, aghju vistu una volta di più solu l'Ostia. -Misericordia Divina in A Mi ànima, Ghjurnale, n. 160

Prima di cummentà quì sopra, lasciami ripetiri per quelli chì ùn anu micca lettu a Parte I ccà. E linee guida di a Chjesa sò chjaru: a pratica normativa per i cattolici in u mondu sanu hè per elli à riceve a Santa Eucaristia. nantu à a lingua. Siconda, questu hè cumu aghju ricevutu à Ghjesù per anni, è cuntinueghja à fà cusì finu à ch'e possu. Terzu, s'ellu fussi papa (è ringrazià à Diu chì ùn sò micca), avissi dumandatu à ogni parrocchia di u mondu per reinstallà un umile rail di Cumunione chì permette à i parrocchiani di riceve u Santissimu Sacramentu in una manera propria à Quale hè chì ricevenu. : inginocchiatu (per quelli chì ponu) è nantu à a lingua. Cume si dice: lex orandi, lex credendi: "a lege di a preghiera hè a lege di crede". In altre parolle, a manera di adurà deve esse in accordu cù ciò chì credemu. Dunque, questu hè u mutivu chì l'arte cattolica, l'architettura, a musica sacra, a manera di a nostra reverenza è tutti l'ornamenti di a Liturgia chì anu crisciutu à traversu i seculi sò diventati, in elli, un lingua mistica chì parlava senza parolle. Ùn hè stupente, dunque, chì Satana hà attaccatu assai di questu in l'ultimi cinquanta anni per fà silenziu u divinu (vede Nantu à l'armamentu di a messa).

 

TUCCHU GESÙ

Dittu chistu, si pò ancu inferisce assai da i cunti di Santa Faustina. Prima, mentri u Signore era dispiaciutu di certe cose in a casa di a monaca, unu di elli era evidentemente micca l'idea di esse in manu di qualcunu chì ellu hà amatu. Iddu, infatti, insistia trè volte per esse in e so mani unconsagrated (vale à dì micca sacramentalmente urdinatu). Siconda, à a missa stessa induve Santa Faustina face riparazioni per "tutte l'offese è l'atti di disrespect", u Signore ùn hè micca offesu per avè toccu e so mani. In fatti, Ellu "desiderava". Avà, nunda di questu hè di dì chì Ghjesù hà indicatu un cambiamentu preferitu in a pratica liturgica di u ghjornu (Comunione nantu à a lingua), ma chì u nostru Signore Eucaristicu, simplicemente, "riposa" cù quellu chì ama cun reverenza Ellu, è iè, ancu in e so mani.

À quelli chì sò spaventati da questi cunti, aghju vulsutu ancu a vostra attenzione à a Sacra Scrittura induve Ghjesù appare à i Dodici dopu a so Resurrezzione. Mentre ancora in un statu di dubbitu, Ghjesù invita Thomas à u locu i so dita in U so latu, u locu stessu induve u Sangue è l'Acqua ghjittassi (simbulu di i Sacramenti).

Allora disse à Tumasgiu : « Metti quì u to dittu è vede e mio mani ; è stende a to manu, è mettela in u mo latu; Ùn siate micca infede, ma credendu". (Ghjuvanni 20:27)

È tandu ci era una donna "chì era un peccatore" chì intrì in a casa induve Ghjesù era. Ella…

... purtò una fiasca d'alabastru d'unguentu, è si stese daretu à ellu à i so pedi, pienghjendu, cuminciò à bagnà i so pedi cù e so lacrime, è li asciugò cù i capelli di a so testa, è basgiò i so pedi, è li ungiò cù l'unguentu. (Luca 7:39)

I Farisei eranu disgustati. "Se st'omu era un prufeta, averia saputu quale è chì tipu di donna hè questu toccu ellu, perchè ella hè una peccatrice ".[1]v. 39

De même, beaucoup de gens « lui apportaient des enfants, afin qu’il les touchât », et les disciples s’indignèrent. Ma Ghjesù li rispose:

Lasciate chì i zitelli venenu à mè, ùn li impediscenu micca; perchè à tali appartene u regnu di Diu. (Marcu 10:14)

Tuttu chistu hè di dì chì a pratica liturgica di riceve à Ghjesù nantu à a lingua hè insegnata, micca perchè u nostru Signore ùn ci vole micca tuccà, ma cusì chì avemu ricurdatu Quale hè quellu we si toccanu.

 

RISPONDU A VOSTRE LETTERE

Vogliu ripete u puntu di sta serie nantu à a Cumunione in manu: per risponde à e vostre dumande nantu à s'ellu hè immorale o illegale riceve a Santa Eucaristia in e vostre mani induve e diocesi facenu avà un requisitu per via di COVID-19.

Lascendu da parte i cumenti pusitivi da i preti è i laici dopu a lettura Part I, altri sintia ch'e aghju fattu in qualchì manera "luce" di Cumunione in manu. Certi anu insistitu chì ricusanu l'Eucaristia in ogni modu è invece di fà una "Comunione Spirituale". Altri anu pruvatu à licenziari Lecture Catechetiche di San Cirillo cum'è forse micca e so parolle o veramente micca indicative di pratiche antiche. 

U fattu hè chì ci hè pocu scrittu annantu à a pratica di quantu l'Eucaristia hè stata ricevuta in tempi antichi. Ma ciò chì i studiosi s'accordanu à l'unanimità hè chì l'Ultima Cena saria statu un pastu tipicu di Seder ebraicu, cù u eccezzioni di Ghjesù micca participà à a "quarta tazza".[2]cf. "Caccia per a quarta coppa", u duttore Scott Hahn Questu hè di dì chì u Signore hà rottu u pane senza levatu è u distribuitu in modu normale - ogni Apòstulu pigliendu u pane. in e so mani è cunsumà. Dunque, questu avaria probabilmente statu a pratica di i primi cristiani per qualchì tempu.

I primi cristiani eranu tutti ebrei è cuntinueghjanu à celebrà a Pasqua una volta à l'annu per parechji anni, almenu finu à chì u Tempiu di Ghjerusalemme hè statu distruttu versu u 70 dC. -Marg Mowczko, MA in primi studii cristiani è ebrei; cf.  "A Pasqua, u Seder è l'Eucaristia"

In fatti, sapemu di sicuru chì per almenu i primi trè à quattru seculi, i cristiani in parechji modi ricivutu l'Eucaristia nantu à a palma di a so manu.

In a Chiesa primitiva, i fideli, prima di riceve u Pane cunsacratu, avianu a lavà e palme di e so mani. — Évêque Athanasius Scheider, Dominus Est, pag. 29

San Atanasio (298-373), San Ciprianu (210-258), San Ghjuvanni Crisostomu (349-407) è Teodoru di Mopsuestia (350-428) ponu tutti attestà a pratica di a Cumunione in manu. San Atanasio si riferisce à u lavaggiu di e mani prima di riceve. San Ciprianu, San Ghjuvanni Crisostomu è Tiadoru di Mopsuestia mencionu cose simili cum'è riceve in manu diritta poi aduràlu è basgià. — André Levesque, "Manu o lingua: u dibattitu di accolta eucaristica"

Unu di i tistimunianzi più chjappi versu u listessu periodu di San Ciru hè vinutu da San Basiliu Magnu. È cum'è spiegheraghju in un mumentu, hè appiicatu soprattuttu à tempi di persecuzione.

Hè bonu è benefica per cumunicà ogni ghjornu, è per participà à u corpu santu è u sangue di Cristu. Perchè ellu dice distintamente, Quellu chì manghja a mo carne è beie u mo sangue hà a vita eternae... Inutile di nutà chì per qualcunu in i tempi di persecuzione per esse custrettu à piglià a cummunione in a so propria manu, senza a presenza di un prete o di un ministru, ùn hè micca un offense seriu, finu à chì l'usu sanzioni sta pratica da u fatti stessi. Tutti i solitari in u desertu, induve ùn ci hè prete, piglianu a cummunione elli stessi, mantenendu a cumunione in casa. È in Alessandria è in Egittu, ognunu di i laici, per a maiò parte, mantene a cummunione, in casa soia, è participa à ella quandu li piace... È ancu in a chjesa, quandu u prete dà a parte, u destinatariu. u piglia cù u putere cumpletu nantu à ellu, è cusì l'alza à i so labbre cù a so propria manu. -Lettera 93

Da nutà, hè chì l'Eucaristia hè stata purtata in casa è chì i laici, ovviamente, avissiru a manighjà l'Ostia cù e so mani (si presume chì tuttu questu hè statu fattu cù a più grande reverenza è cura). Siconda, Basil nota chì "ancu in a chjesa" questu era u casu. È terzu, durante i "tempi di persecuzione" in particulare ellu dice, "ùn hè micca un offense seriu" per riceve in manu. Ebbè, noi campà in tempi di persecuzione. Perchè sò primarmenti u Statu è a "scienza" chì imponenu è esigenti sti restrizioni, alcune chì parenu senza fundamentu è cuntradittori.[3]Cummunione in manu? Pt. I

Nisunu di ciò chì aghju dettu hè una scusa flippant per ricurdà à riceve in manu quandu pudete ancu riceve nantu à a lingua. Piuttostu hè di fà dui punti. U primu hè chì a Cumunione in a manu ùn hè micca una invenzione di i Calvinisti, ancu s'elli anu aduttatu dopu sta forma per sdrughje a credenza in a Presenza Reale.[4]Mgr Athanasius Schneider, Dominus Est, p. 37-38  Siconda, ùn hè micca u vostru prete, nè u vostru vescu, ma a Santa Sede stessa chì hà cuncessu l'indultu per a Cumunione in manu. Questu hè tuttu per dì chì ùn hè nè immorale nè illegale per riceve a Cumunione in manu. U papa ferma suvranu nant'à sta materia, ch'omu appruva o micca.

 

COMUNIONE SPIRITUALE ?

Qualchidunu anu insistitu chì invece di a Cumunione in manu, duverebbe prumove a "Comunione spirituale". Inoltre, certi lettori anu dettu chì i so preti sò dicenu elli à fà questu. 

Ebbè, ùn avete micca intesu chì l'Evangelichi sò digià fà questu in a strada ? Iè, ogni dumenica ci hè una "chjama à l'altare" è pudete vene à u fronte è invita spiritualmente à Ghjesù in u vostru core. In fatti, l'Evangelichi puderanu ancu dì: "In più, avemu una musica fantastica è predicatori putenti". (L'ironia hè chì certi insistenu micca riceve in manu per resiste à a "protestantisation" di a Chjesa).

Ascoltate di novu ciò chì u nostru Signore hà dettu: "A mo carne hè vera alimentu, è u mo sangue hè vera bevanda". [5]John 6: 55 E dopu disse: "Piglia è manghja." [6]Matt 26: 26 U cumandamentu di Nostru Signore ùn era micca di fighjà, di medità, di vulè, o di fà a "Comunione spirituale" - cum'è belli cum'è questi sò - ma à manghjà. Dunque, duvemu fà cum'è u Nostru Signore cumanda in qualunque manera hè devota è licite. Mentri hè stata anni da quandu aghju ricevutu à Ghjesù in u mio palme, ogni volta ch'e aghju fattu, era cum'è San Cirillu hà descrittu. Aghju inchinatu à a cintura (induve ùn ci era micca un rail di Cumunione); Aghju messu l'"altare" di a mo palma in avanti, è cun grande amore, devozione è deliberazione pusò Ghjesù nantu à a mo lingua. Allora, aghju esaminatu a mo manu prima di alluntanassi per assicurà chì tutti i particella di u mio Signore hè stata cunsumata.

Perchè ditemi, s'è qualchissia vi dessi graneddi d'oru, ùn li tenete micca cun cura, essendu in guardia per ùn perde qualcunu di elli è soffrenu pèrdite ? Ùn vi guarderà dunque più attentamente, chì ùn vi casca micca una briciola di ciò chì hè più preziosu chè l'oru è e pietre preziose ? —St. Cirillu di Ghjerusalemme, IV seculu; Preferenza Catechetica 23, n. 21

Confessu ch'e aghju luttatu personalmente cù a cunniscenza chì certi preti anu privatu i so bandi di l'Eucaristia perchè u vescu hà postu sta forma "temporanea" di riceve in manu. Cum'è Ezekiel si lamentava:

Guai, pastori d'Israele chì vi manghjate! I pastori ùn devenu pascenu e pecure ? Manghjate u grassu, vi vestete di lana, macellate i grassi ; ma ùn pasce micca e pecure. I debbuli ùn avete micca rinfurzatu, i malati ùn avete micca guaritu, i storpi ùn avete micca ligatu, i sviati ùn avete micca riportatu, i persi ùn avete micca cercatu, è cù forza è durezza li avete guvernati. (Ezechiele 34: 2-4)

Ùn hè micca u liberalismu essendu indirizzatu quì ma ligalisimu. Un prete m'hà scrittu qualchì mumentu fà, nutendu:

Hè ghjuntu à u puntu chì l'area di a bocca hè una preoccupazione particulare per a trasmissione [di u coronavirus]... I vescovi stanu cunsiderà questu assai attentamente... A ghjente si deve dumandà sè stessu: anu da insiste chì a riverenza per Ghjesù sia espressa da riceve nantu à u lingua - una pratica antica - o nantu à l'altare furmatu da e mani - ancu una pratica antica. A quistione hè cumu si voli chì Ghjesù si dà à elli, micca cumu insistenu à riceve ellu. Ùn duvemu mai esse u patronu di Ghjesù chì brama à pienu di a so presenza.

In questa luce, quì hè un altru cunsiderazione. Forse l'indultu chì permette a Cumunione nantu à a manu, cuncessa una cinquantina d'anni fà da u papa, pò esse a pruvisione di u Signore. pricisamenti per questi ghjorni afin qu'Il puisse continuer à nourrir son troupeau lorsque le gouvernement, autrement, pourrait interdire l'Eucharistie totalement si l'on insistait sur « sur la langue » ?

Cusì dice u Signore Diu: "Eccu... i pastori ùn si pasceranu più. Salvà e mo pecure da a so bocca, per ùn esse micca manghjà per elli. (Ezechiele 34:10)

Diu pò è fà chì tutte e cose travaglianu à u bonu. Ma certi di voi anu dettu: "Ah, ma l'abusi in manu! I sacrilegi ! »

 

I SACRILEGGI

Iè, ùn ci hè micca dubbitu chì l'Eucaristia hè stata profanata innumerevoli volte per via di a Cumunione "in manu". È quì, ùn parlu micca solu di i satanisti chì si alluntananu cun ellu, ma di u cattolicu mediu chì riceve casualmente l'Ostia senza riguardu o ancu crede in ciò chì facenu. Ma parlemu dinò, dunque, d’una altra tragedia : u fallimentu colossale di a catechesi in i nostri tempi. Pochi sò l'omelia nantu à a Presenza Reale assai menu quantu à riceve, cumu si veste à a Missa, etc. Allora quandu i cattolici ghjunghjenu in vestiti di spiaggia è sguassate finu à u corridoiu cù chewing gum in bocca, quale hè a culpa?

Inoltre, alcuni di u veru dulore chì parechji di voi sentenu avà puderia esse alleviatu da i pastori micca solu annunziendu novi regule, ma spieghendu, cù tenerezza è capiscitura, e difficultà chì questu presenta; spieghendu l'indultu di a Santa Sede è dopu quantu per riceve bè nantu à a manu induve u vescu hà impostu sta forma. Semu una famiglia è un pocu di cumunicazione viaghja assai.

In l'anni 1970, a visionaria japonesa Sr. Agnes Sasagawa sentia i stigmati dolorosi in a so manu manca, chì l'impedìanu di riceve a Cumunione cusì. Ella sintia chì era un signu ch'ella avia da riceve nantu à a lingua. U so cunventu sanu hà tornatu à quella pratica in u risultatu. Fr. Joseph Marie Jacque di a Società di Missione Estera di Parigi era unu di i tistimoni oculari (à e lacrime miraculose di a statua di Nostra Signora) è un teologu chì hà sappiutu assai di a cundizione spirituale di e monache in Akita. "Riguardu à questu avvenimentu", Fr. Ghjiseppu hà cunclusu, "l'episodiu di u 26 di lugliu ci mostra chì Diu vole chì i laici è e monache ricevenu a Cumunione nantu à a lingua, perchè a Cumunione cù e so mani senza cunsacrati porta cun ella u periculu potenziale di ferisce è minà a fede in a Presenza Reale".[7]Akita, di Francis Mutsuo Fukushima

Dapoi a Santa Sede hà permessu a Cumunione in manu, I pastori ponu evitari "u putenziale periculu di ferisce è minà a fede in a Presenza Reale" usendu stu mumentu per re-catechize i fedeli nantu à a Santa Eucaristia è cumu per riceve à Ghjesù cun reverenza propria. Siconda, i fideli ponu aduprà sta opportunità per discutiri u cuntenutu di sta serie è ricunsiderà, rinnuvà, è rinvivisce a vostra devozione versu u Santu Sacramentu.

È infine, pudemu tutti cunsiderà questu. Cum'è cristiani battezzati, disse San Paulu, "U vostru corpu hè un tempiu di u Spìritu Santu" [8]1 Cor 6: 19 - è chì include e vostre mani è a vostra lingua. A verità hè chì assai più persone utilizanu e so mani per custruisce, accarezzanu, amà è serve chè a so lingua, chì spessu abbatte, ridicule, cuss è ghjudicà.

Qualunque altare ricevi u vostru Signore nantu à ... pò esse un adattatu.

 

LETTURA IN CORSO

Nantu à l'armamentu di a messa

Cumunione in manu ? - Parte I

 

Per viaghjà cun Mark in lu Avà Parolla,
cliccate nantu à u banner sottu per abbunà.
U vostru email ùn serà micca spartutu cù nimu.

 
I mo scritti sò tradutti in francese! (Merci Philippe B.!)
Pour lire mes écrits in français, cliccate nant'à u drapeau:

 
 
Print Friendly, PDF è Email

Footnotes

Footnotes
1 v. 39
2 cf. "Caccia per a quarta coppa", u duttore Scott Hahn
3 Cummunione in manu? Pt. I
4 Mgr Athanasius Schneider, Dominus Est, p. 37-38
5 John 6: 55
6 Matt 26: 26
7 Akita, di Francis Mutsuo Fukushima
8 1 Cor 6: 19
Posted in Home, FEDE È MORALE e nella , , , , , , , .