Apertu Ampiu U vostru Cuore

 

Eccu, mi tengu à a porta è pichju. Sì qualchissia sente a mo voce è apre a porta, allora entreraghju in casa soia è manghjeraghju cun ellu, è ellu cun mè. (Rev 3:20)

 

 
Gesu
hà indirizzatu ste parolle, micca à i pagani, ma à a chjesa di Laodicea. Ié, noi i battezi avemu bisognu d'apre u nostru core à Ghjesù. È sì no, pudemu aspettà chì accadinu duie cose.

 

Publicatu per a prima volta u 19 di ghjugnu di u 2007

 

A LUZ DUPIA

Mi ricordu di zitellu quandu unu di i mo genitori aprì a porta di a nostra camara di notte. A luce era cunsuladore mentre travagliava a bughjura. Ma era ancu cundannante, chì di solitu a porta era aperta per dì ci di stallacci!

Ghjesù disse: "Sò a luce di u mondu". Quand'ellu vene cum'è luce, possu sperimentà grandi cunsulazioni è un prufondu sensu di gioia o di pace, in particulare à l'iniziu di a vita spirituale o à i momenti di cunversione più profonda. Sò attiratu da a Luce, per guardà a Luce, per amà a Luce. Ma perchè a Luce mi ama tantu, quandu sò prontu, Ellu cummencia à palisà qualcosa di più.

Sugumamente, e cose cumincianu à diventà difficili di novu. Mi pare di ritruvà guasi impotente in vechje abitudini. Puderaghju truvà a tentazione di esse più feroce, altre persone per esse più irritanti, è e prove di a vita per esse più intense è difficili. Eccu induve devu cumincià à marchjà per fede, chì a mo vista sembra oscurata, tutti i sentimenti, andati. Puderaghju chì a Luce m'hà abbandunatu. Tuttavia, ùn hè micca cusì u casu. Ghjesù hà prumessu ch'ellu serà cun noi "finu à a fine di l'età". Piuttostu, aghju avà sperimentatu, micca u "calore" di a Luce, ma u so luminiscenza.

 

ILLUMINAZIONE

Tuttu ciò chì vecu avà hè questu mess peccatu è disgraziatu illuminatu nantu à u pavimentu di u mo core. Pensu di esse santu, ma scopre in un modu assai doloroso chì ùn sò micca tuttu. Eccu induve devu svegliare a mo fede in Ghjesù cum'è u mo salvatore. Devu ramintà mi perchè a Luce hè ghjunta per mè in primu locu. U nome di Ghjesù significa "Yahweh salva". Hè venutu per salvacci da i nostri peccati. Allora avà, Ellu cumincia à salvà mi da u mo peccatu, rivelendu mi per via di a luce di a verità, perchè mi ama.

Allora l'ochji di [Adamu è Eva] sò stati aperti, è anu capitu chì eranu nudi. (Gen 3: 7)

Avà l'Accusatore si trova vicinu, sapendu bè chì sò in traccia di diventà più cum'è Cristu se cumminciu à marchjà per fede. È cusì dice e parolle per scuragami:

Qualchì Cristianu sì! Tantu per a vostra cunversione! Tantu per tutte e cose chì Diu hà fattu per voi! Sì cascatu di novu in quellu chì Ellu ti hà salvatu. Sì una tale delusione. Perchè preoccupassi di pruvà cusì duru? À chì serve? Ùn sarete mai un santu ...

È in continuu l'Accusatore va. 

Ma Ghjesù si trova à a porta di u mo core è dice:

Avete apertu a porta di u vostru core à Me, a Luce di u mondu. Cù gioia sò venutu, ancu sì eiu, chì sò Diu, sapia chì stu disordine seria nantu à u pavimentu di u to core. Eccu, ùn sò micca venutu per cundannavvi, ma per pulì, affinchì voi è eiu possu avè un locu per pusà è manghjà inseme.

Sta ferma risoluzione di diventà un santu mi face assai piacè. Benedettu i vostri sforzi è vi daraghju opportunità per santificà voi stessu. Stà attentu à ùn perde alcuna opportunità chì a Mi providenza vi offre per a santificazione. Se ùn riescite micca à prufittà di un'occasione, ùn perdite micca a vostra pace, ma umiliatevi profondamente davanti à Me è, cun grande fiducia, immergiti cumpletamente in a Mia misericordia. In questu modu, guadagnate più di ciò chì avete persu, perchè più favore hè accordata à un'anima umile di quella chì l'anima stessa dumanda ...  —Jesus à Santa Faustina, Misericordia Divina in A Mi Anima, Ghjurnale, n. 1361

 

RISPOSTA DOPPIA

Avà sò cunfrontu cù una decisione, sia per crede à e bugie di Satanassu, sia per accettà l'amore è a misericordia di Diu. Satanassu mi vole imità u so peccatu di orgogliu. Mi tenta di corre à a porta è di chjode la, chjappendu e mo azzioni in parolle di falsa umiltà ... chì sò un disgraziatu miserabile, indignu di Diu, è un scemu maladettu chì si merita ogni male.

... allora anu cucitu inseme e foglie di ficu è si sò fatti pagliaghji per elli ... l'omu è a moglia si piattonu da u Signore Diu. (Gen 3: 7-8)

L'altra decisione hè di accettà ciò chì vecu in u mo core cum'è a verità. Ghjesù mi vole imità ellu avà. Per diventà veramente umiliu.

Si hè umiliatu, diventendu ubbidiente à a morte, ancu a morte nantu à una croce. (Fil 2: 8)

Ghjesù hà dettu chì a verità ci libererà, è a prima verità chì ci libera hè a verità chì Sò un piccatore. Ellu voli chì aprissi a porta di u mo core in umiltà, ammettendu chì aghju bisognu di perdonu è di guarigione, di grazia è di forza. Hè ancu assai umiliante per accettà chì Ghjesù vole dà mi questu liberamente, ancu se ùn mi meritu micca. Ch'ellu mi tenga caru, ancu se mi sentu micca amabile.

U battesimu hè u primu porta à a santificazione, u prucessu di guarisce a cicatrice di u peccatu originale. Hè u principiu, micca a fine. Ghjesù applica avà e grazie di u Battesimu venendu cum'è luce per palisà u mo bisognu di un salvatore, u mo bisognu di esse guaritu è ​​liberatu. A croce ch'ellu m'hà dumandatu di ripiglià, è dopu seguitallu, hè cumposta da duie travi: a mo propria dibulezza e mio impotenza per salvà me stessu. Sò per accettalli in umiltà nantu à a mo spalla, è dopu seguitate à Ghjesù à u Calvariu induve per e so ferite sò guaritu.

 

ATTRAVU I SACRAMENTI

Pigliu sta croce nantu à a mo spalla ogni volta chì entru in cunfessiunale. Quì, Ghjesù m'aspetta di ricunnosce u disordine annantu à u pianu di u mo core, affinch'ellu u lavi puru cù u so sangue. Quì, scontru a Luce di u mondu chì hè ancu "l'Agnellu di Diu chì toglie i peccati di u mondu". Aprire a porta di u cunfessiunale hè di apre a porta di u mo core. Hè d'andà in a verità di quale sò statu, per pudè marchjà in a libertà di quale sò veramente: un figliolu o una figliola di u Babbu.

Ghjesù appronta u mo core per u Banquet, di micca solu a so presenza, ma a presenza di u Patre.

Quellu chì mi ama, guarderà a mo parolla, è u Babbu u tenerà caru, è noi vinaremu ad ellu è faremu a nostra dimora cun ellu. (Ghjuvanni 14:23)

Cunfessendu u mo peccatu è accettendu chì Ghjesù hè u mo Signore, tengu a so parolla chì mi chjama à "pentite è crede a bona nova". Ellu voli rinfurzà mi per mantene tuttu di a so parolla, perchè senza ellu, "ùn possu fà nunda".

U Banquet ch'ellu porta hè u so propiu Corpu è Sangue. Avendu mi svultatu in u cunfessiunale, Ghjesù vene à riempirmi di u Pane di vita. Ma Ellu pò fà solu se aghju apertu u mo core à ellu in primu locu. Osinnò, Continuerà à stà fora di a porta, à pichjà.

 

APRE LARGU TU CORU

Un modu veloce per scuragisce hè di crede chì una volta aghju accettatu à Ghjesù cum'è u mo salvatore, o una volta chì sò andatu à Confessione, chì u tuttu pianu di u mo core hè incantu. Ma a verità hè, ùn aghju solu apertu a porta di u mo core un pocu. È cusì Ghjesù mi dumanda torna aperta larga a porta di u mo core. Una volta di più, sentu u calore di a Luce, è sò attiratu da ellu per mezu di ste cunsulazioni. A Luce illumina a mo mente, mi riempie di percezione, desideriu è fede più grande ... fede per preparami per accettà ulteriormente u bughju di purificazione. Apru u mo core per ellu cun u desideriu di più è più di ellu, di più è più purificazione chì mi permetterà di riceve lu; e prove è e tentazioni ghjunghjeranu, è cume a Luce di a verità rivela più messi, macchie è riparazioni necessarie, una volta di più sò cunfruntatu à a croce di u mo bisognu, u mo bisognu di un salvatore. 

È cusì u mo viaghju cù a croce hè campatu trà a fonte sempre fluente di Confessione, è u monte Eucaristicu di u Calvariu, cù a Risurrezzione chì leia tramindui. Hè una strada difficiule è stretta.

Ma porta à a vita eterna.

Amati, ùn vi maravigliate chì un prucessu di focu si stia accadendu trà di voi, cum'è se qualcosa stranu vi accadessi. Ma rallegratevi finu à u puntu chì participate à e sofferenze di Cristu, affinchì quandu a so gloria sia rivelata pudete raligrassi ancu esultantemente. (1 Pet 4:13)

Figlia mia, ùn m'avete micca offertu ciò chì hè veramente vostru ... dammi a vostra miseria, perchè ghjè a vostra pruprietà esclusiva. - Ghjesù à Santa Faustina, Diariu, n. 1318 

Sò a luce di u mondu. Quellu chì mi seguita ùn marchjarà micca in u bughju, ma averà a luce di a vita. (Ghjuvanni 8:12)

Apri i vostri cori à Ghjesù Cristu. —PAPA GIOVANNI PAULU II

 

Cliccate quì sottu per traduce sta pagina in una lingua diversa:

 

 

RINNOVAZIONE SPIRITUALE E CONFERENZA DI GUARIGIONE

cù Mark Mallett

16-17 Settembre, 2011

Parrocchia di San Lambertu, Sioux Falls, South Daktoa, US

Per più infurmazione nantu à a registrazione, cuntattate:

Kevin Lehan
605-413-9492
E-mail: [email prutettu]

www.ajoyfulshout.com

Brochure: cliccate ccà

 

 

Clicca qui à Unsubscribe or Segui à stu Ghjurnale. 

 

Print Friendly, PDF è Email
Posted in Home, SPIRITUALITÀ.

Comments sò chjusi.