u Bunker

Dopu Cunfessione oghje, l'immagine di un campu di battaglia hè venutu in mente.

U nemicu ci tira missili è proiettili, bombardendu ci cù inganni, tentazioni è accusazioni. Ci truvemu spessu feriti, sanguinanti, è disabili, accucciati in e trincee.

Ma Cristu ci attira in u Bunker di a Cunfessione, è dopu ... lascia chì a bomba di a so grazia esplodessi in u regnu spirituale, distruggendu i guadagni di u nemicu, recuperendu e nostre terrurità, è rimettendu ci in quella armatura spirituale chì ci permette di impegnà una volta di più quelli "principati è puteri", per mezu di a fede è di u Spìritu Santu.

Simu in guerra. Hè saviezza, micca vigliaccheria, per friquentà u Bunker.

THE parolle di Santa Elisabetta Anne Seton continuu à sunà in a mo testa:

Be above the vain fears of nature and efforts of your enemy. You are children of eternity. Your immortal crown awaits you, and the best of Fathers waits there to reward your duty and love. You may indeed sow here in tears, but you may be sure there to reap in joy. (Da una cunferenza à e so figliole spirituali)

CUNSUMU ...

A nostra vita hè cum'è una stella fucilante. A quistione - a quistione spirituale - hè in chì orbita entrerà sta stella.

Se simu cunsumati cù e cose di sta terra: soldi, sicurezza, putenza, pussessi, cibu, sessu, pornografia ... allora simu cum'è quellu meteore chì brusgia in l'atmosfera terrestre. Se simu cunsumati cun Diu, allora simu cum'è un meteoru direttu versu u sole.

Eccu a differenza.

U primu meteore, cunsumatu da e tentazioni di u mondu, finisce per disintegrassi in nunda. U secondu meteoritu, cume si consuma cun Ghjesù u Figliolu, ùn si disintegra. Piuttostu, scoppia in fiamma, si scioglie è diventa unu cù u Figliolu.

U primu more, diventendu fretu, scuru è senza vita. St'ultimu vive, diventendu calore, luce è focu. U primu pare abbagliulante davanti à l'ochji di u mondu (per un mumentu) ... finu à chì diventa polvere, sparendu in u bughju. Quest'ultimu hè piattu è inosservatu, finu à chì ghjunghje à i raggi consumenti di u Figliolu, pigliatu per sempre in a so luce ardente è in u so amore.

Cusì, ci hè veramente una sola dumanda in a vita chì conta: Chì mi cunsuma?

What profit would there be for one to gain the whole world and forfeit his life? (Matt 16: 26)

ANNUNZIU DI NASCITA

Puericultura Kevin Kyle Paul hè natu u 2 di ghjennaghju di u 2006 - u nostru settimu figliolu di trè zitelle, è avà, quattru masci.

À ringrazià vi Signore!

Kevin Mallett

 

UMILITÀ hè u nostru rifugiu.

Hè quellu locu sicuru induve Satanassu ùn pò micca attirà i nostri ochji, perchè a nostra faccia hè in terra. Ùn andemu micca, perchè simu stesi prostrati. È acquistemu saviezza, perchè a nostra lingua hè calma.

TONIGHT, dinò, sentu una urgenza per sradicà tutte e distrazioni è vizii à i quali mi agguancu sempre. Ci sò abbondanti grazie quì per fà ... grazie, credu, per chiunque chiede onestamente.

Ùn ci hè tempu à perde. Avemu da principià oghji per appruntà per ciò chì vene "cum'è un latru in a notte". È chì hà da vene?

Chì quellu chì hà l'ochji, vidi; chì hà l'arechje, canta.

 

 

THE Signore vede u brami di u nostru core. Vede u nostru desideriu di esse bè.

È cusì, malgradu i nostri fiaschi, è ancu u peccatu, Ellu corre per abbraccià noi ... cum'è u Babbu hà fattu corre per abbraccià u figliolu prodigiu, chì era cupertu di a vergogna di a so ribellione.

Dunque, Gabriel hà annunziatu à Maria: "Ùn àbbia paura!"; a gloriosa folla hà annunziatu à i pastori: "Ùn àbbia paura!"; i dui ànghjuli anu incuragitu e donne à a tomba, "Ùn àbbia paura!"; è à i so discìpuli dopu a so risurrezzione, Ghjesù ripete:Ùn àbbia paura."

ALLEgria.

U più grande di i rigali sta mane hè u so prisenza.