L'arte di ricumincià - Parte I

A PAROLA ORA SU LETTURE DI MASSA
per u 20 di nuvembre di u 2017
Luni di a Trenta-Terza Settimana di u Tempu Ordinariu

Testi liturgichi ccà

ZUMBIANU

 

Sta settimana, facciu qualcosa di diversu - una seria in cinque parti, basata annantu à i Vangeli di sta settimana, nantu à cumu ricumincià dopu à esse cascatu. Vivemu in una cultura induve simu saturati di peccatu è di tentazione, è rivendica parechje vittime; parechji sò scuragiti è stanchi, pisati è perde a fede. Hè necessariu, dunque, amparà l'arte di ricumincià ...

 

PERCHÈ ci sentimu sfracicà a culpabilità quandu femu qualcosa di male? È perchè hè cumunu à ogni singulu essere umanu? Ancu i zitelli, s'elli facenu qualcosa di male, parenu spessu "solu sapè" ch'elli ùn devenu micca avè.

A risposta hè perchè ogni persona hè fatta à l'immagine di Diu, chì hè Amore. Hè cusì, a nostra natura hè stata fatta à amà è esse amata, è cusì, sta "lege di l'amore" hè scritta nantu à i nostri cori. Ogni volta chì femu qualcosa contr'à l'amore, u nostru core hè rottu à un diploma o un altru. È a sentimu. A sapemu. E se ùn sapemu micca cumu risolve, una catena intera di effetti negativi hè partita chì, se lasciata incontrollata, pò varia da semplicemente inquieta è senza pace a condizioni mentali è di salute gravi o schiavitù à e so passioni.

Benintesa, l'idea di "peccatu", e so cunsequenze è a so responsabilità personale, hè qualcosa chì sta generazione hà fattu finta chì ùn esiste micca, o chì l'atei anu scartatu cum'è una custruzzione suciale creata da a Chjesa per cuntrullà è manipulà e masse. Ma i nostri cori ci dicenu diversamente ... è ignoremu a nostra cuscenza à u periculu di a nostra felicità.

Rinsignate Ghjesù Cristu.

À l'annunziu di a so cuncipitura, l'Angelu Gabriellu hà dettu: "Ùn àbbia paura. " [1]Capìtulu 1: 30 À l'annunziu di a so nascita, l'ànghjulu disse: "Ùn àbbia paura. " [2]Capìtulu 2: 10 À l'inaugurazione di a so missione, Ghjesù hà dettu:Ùn àbbia paura. " [3]Capìtulu 5: 10 È quandu Annuncia a so morte imminente, Dice dinò: "Ùn lasciate micca chì i vostri cori sianu disturbati o temuti ". [4]John 14: 27 Paura di chì? Paura di Diu - paura di Quellu chì cunniscimu ancu noi, in fondu à u nostru core, ci guarda è à quale simu responsabili. Da u primu peccatu, Adamu è Eva anu scupertu una nova realità ch'elli ùn avianu mai tastata prima: a paura.

... l'omu è a moglia si piattanu da u Signore Diu trà l'arburi di u giardinu. U Signore Diu chjamò allora l'omu è li dumandò: Induve site? Ellu rispose: «Ti aghju intesu in l'ortu; ma aviu a paura, perchè eru nudu, allora mi sò piattatu ". (Ghjenesi 3: 8-11)

Dunque, quandu Ghjesù hè diventatu omu è hè entratu in u tempu, Ellu stava essenzialmente dicendu: «Esce da daretu à l'arburi; esce da a caverna di a paura; surtite è vede chì ùn sò micca venutu per cundannavvi, ma per liberavvi da voi stessu ". À u cuntrariu di u ritrattu l'omu mudernu hà dipintu di Diu cum'è un perfezionistu intolerante in furia chì hè prontu à distrughje u piccatore, Ghjesù rivela ch'ellu hè venutu, micca solu per caccià a nostra paura, ma a fonte stessa di sta paura: u peccatu, è tuttu e so cunsequenze.

L'amore hè ghjuntu à sbandisce a paura.

Ùn ci hè paura in amore, ma l'amore perfettu scaccia a paura perchè a paura hà da fà cù a punizione, è dunque quellu chì teme ùn hè ancu perfettu in amore. (1 Ghjuvanni 4:18)

Sì avete sempre paura, sempre inquietu, sempre culpevule, hè di solitu per duie ragioni. Unu hè chì ùn avete micca ancu ammessu chì site veramente un peccatore, è cum'è tale, campate cù una falsa maghjina è una realtà distorta. U secondu hè chì succumbiate sempre à e vostre passioni. È dunque, duvete amparà l'arte di ricumincià ... è torna è torna.

U primu passu per esse liberatu da a paura hè di ammette simpliciamente a radice stessa di a to paura: chì sì veramente un peccatore. Sì Ghjesù hà dettu "A verità ti libererà", a prima verità hè a verità di quale sì, e quale ùn sì micca. Finu à quandu camminate in questa luce, resterete sempre in a bughjura, chì hè u cimiteru di paura, tristezza, compulsione è ogni viziu.

Se dicemu: "Simu senza peccatu", ci ingannemu, è a verità ùn hè micca in noi. Se ricunniscimu i nostri peccati, ellu hè fidu è ghjustu è pardunerà i nostri peccati è ci purificherà di ogni malfattu. (1 Ghjuvanni 1: 8-9)

In u Vangelu d'oghje, sintemu u cecu chì gridava:

"Ghjesù, Figliolu di David, abbi pietà di mè!" È quelli chì eranu davanti u rimproveranu, dicenduli di stà zittu; ma gridò ancu di più: "Figliu di Davide, abbi pietà di mè!" (Luke 18: 38-39)

Ci hè parechje voci, forse ancu avà, chì vi dicenu chì questu hè stupidu, inutile, è una perdita di tempu. Chì Diu ùn vi sente nè sente à i piccatori cum'è voi; o forse chì ùn site micca veramente una cattiva persona dopu tuttu. Ma quelli chì ascoltanu tali voci sò veramente orbi, perchè "Tutti anu fattu piccatu è mancanu a gloria di Diu". [5]Rom 3: 23 Innò, a cunniscimu dighjà a verità - ùn simu solu ammessi in noi stessi.

Questu hè u mumentu, allora, quandu duvemu rifiutà quelle voci è, cù tutta a nostra forza è curagiu, gridà:

Ghjesù, Figliolu di David, abbi pietà di mè!

Sì sì, a vostra liberazione hà digià principiatu ...

 

U sacrifiziu accettatu da Diu hè un spiritu ruttu;
un core spezzatu è cuntrititu, O Diu, ùn ti scurderà micca.
(Salmu 51: 17)

À seguità…

 

LETTURA IN CORSO

Leghjite l'altre Parti

 

Se vulete supportà i bisogni di a nostra famiglia,
basta à cliccà nantu à u buttone sottu è cumprende e parolle
"Per a famiglia" in a sezione di cumenti. 
Vi benedica è ti ringraziu!

 

Viaghjà cun Mark in u lu Avà Parolla,
cliccate nantu à u banner sottu per abbunà.
U vostru email ùn serà micca spartutu cù nimu.

 

Footnotes

Footnotes
1 Capìtulu 1: 30
2 Capìtulu 2: 10
3 Capìtulu 5: 10
4 John 14: 27
5 Rom 3: 23
Posted in Home, PRINCIPIÀ DI NOU, LETTURE DI MASSA.