L'arte di ricumincià - Parte IV

A PAROLA ORA SU LETTURE DI MASSA
per u 23 di nuvembre di u 2017
Ghjovi di a Trenta-Terza Settimana di u Tempu Ordinariu
Optà. Memoriale di San Culumbanu

Testi liturgichi ccà

OBIETTANDO

 

Gesu fighjò in Ghjerusalemme è piense mentre gridava:

Sì stu ghjornu sapessi solu ciò chì face a pace - ma avà hè piattu da i vostri ochji. (Vangelu d'oghje)

Oghje, Ghjesù feghja u mondu, è assai cristiani in particulare, è torna à gridà: Sì sapessi ciò chì face a pace! Una discussione nantu à l'arti di ricumincià ùn seria micca cumpleta senza dumandà, "induva esattamente ripigliu? " A risposta à quessa, è à "ciò chì face a pace", sò una è listessa: a vuluntà di Diu

Cum'è aghju dettu in Part I, perchè Diu hè amore, è ogni persona hè creata à a so maghjina, simu fatti amà è esse amati: a "lege di l'amore" hè scritta nantu à i nostri cori. Ogni volta chì ci deviamu da sta lege, ci deviamu da a fonte di a vera pace è di gioia. Grazie à Diu, per mezu di Ghjesù Cristu, pudemu ricumincià. 

Cù una tenerezza chì ùn delude mai, ma hè sempre capace di ristabilisce a nostra gioia, ci permette di alzà a testa è di ricumincià.—PAPA FRANCIS, Evangelii Gaudiummicca. 3

Ma ricumenciate induve? In verità, avemu bisognu di alzà a testa da noi stessi, luntanu da i chjassi di a distruzzione, è di mette li in a bona strada - a vuluntà di Diu. Perchè Ghjesù hà dettu:

Se tenete i mo cumandamenti, resterete in u mo amore ... A vi aghju dettu per chì a mo gioia sia in voi è a vostra gioia sia cumpleta. Questu hè u mo cumandamentu: amatevi l'altri cum'è ti tengu caru .... Perchè a legge sana hè cumpleta in una dichjarazione, vale à dì: "Amerete u vostru prossimu cum'è sè stessu". (Ghjuvanni 15: 10-12; Galati 5:14)

Pensate à a terra è cumu a so orbita intornu à u sole produce e stagioni, chì a so volta danu vita è fecundità à u pianeta. S’è a terra si svia ancu un pocu da u so parcorsu, spararia una catena d’effetti cattivi chì finisceria culmina in a morte. Cusì dinò, dice San Paulu, "U salariu di u peccatu hè a morte, ma u donu di Diu hè a vita eterna in Cristu Ghjesù u nostru Signore". [1]Rom 6: 23 

Ùn basta micca à dì chì mi dispiace. Cum'è Zacheu, duvemu piglià decisioni è cambiamenti cuncreti - qualchì volta drammatichi è difficiuli - per riparà "l'orbita" di a nostra vita per chì, una volta di più, giremu intornu à u Figliolu di Diu. [2]cf. Matt 5: 30 Solu cusì avemu da cunnosce "Ciò chì face a pace". L'arte di ricumincià ùn pò micca deformassi in l'arte scura di vultà à i nostri vechji modi-menu chè no simu disposti à esse arrubati di novu a pace. 

Siate cumpitenti di a parolla è micca solu ascoltatori, ingannendusi. Perchè sì qualchissia stà à sente a parolla è micca à fà, hè cum'è un omu chì feghja a so faccia in un spechju. Si vede, poi si ne và è dimentica subitu ciò chì li paria. Ma quellu chì guarda in a legge perfetta di a libertà è persevera, è ùn hè micca un ascoltatore chì si dimentica, ma un operatore chì agisce, tale sarà benedettu in ciò ch'ellu face. (Ghjacumu 1: 22-25)

Tutti i cumandamenti di Diu - cumu simu da campà, amà è cumportamoci - sò spressi bellu in u Katechisimu di a Chjesa cattolica, chì hè un riassuntu di l'insignamenti di Cristu cumu si sò svolti in più di 2000 anni. Quantu l'orbita di a terra hè "fissa" intornu à u Sole, cusì dinò, a "verità chì ci rende liberi" ùn cambia mancu (quant'è i nostri pulitici è ghjudici ci vulianu fà crede altrimenti). U "Lege perfetta di libertà" produce solu gioia è pace in quantu u obbedemu - o diventemu torna schiavi di a putenza di u peccatu, chì i salarii sò a morte:

Amen, amen, a vi dicu, tutti quelli chì facenu u peccatu sò schiavi di u peccatu. (Ghjuvanni 8:34)

È cusì, l'arte di ricumincià cunsiste micca solu in fidà si di l'amore di Diu è di a misericordia infinita, ma ancu di fidà si chì ci sò certe strade chì simpricamente ùn pudemu micca falà, ùn importa ciò chì i nostri sentimenti o a nostra carne dicenu, urlanu o dicenu à i nostri sensi. 

Perchè site stati chjamati per a libertà, fratelli. Ma ùn aduprate micca sta libertà cum'è un'occasione per a carne; anzi, serviti unu à l'altru per amore. (Gal 5:13)

Chì ci vole à amà? A Chjesa, cum'è una bona mamma, ci insegna in ogni generazione in chì consiste l'amore, basatu annantu à a dignità intrinseca di a persona, fatta à l'immagine di Diu. Se vulete esse felice, esse tranquillu, esse felice ... esse liberu ... allora stà à sente sta Mamma. 

Ùn vi conformate micca à questa età ma trasfurmatevi cù u rinnovu di a vostra mente ... Indossate u Signore Ghjesù Cristu, è ùn fate micca pruvista per i desideri di a carne (Rumani 12: 2; 13:14)

L'arte di ricumincià, dunque, ùn hè micca solu di ripiglià a manu misericurdosa di u Babbu, ma ancu di piglià a manu di a nostra Mamma, a Chjesa, è di lascialli marchjà nantu à a strada stretta di a Divina Volontà chì porta à a vita eterna. 

 

Eiu è i mo figlioli è i mo parenti 
rispetterà l'allianza di i nostri babbi.
Diu ne guardi chì no abbandunemu a lege è i cumandamenti.
Ùn averemu micca ubbiditu à e parolle di u rè
nè alluntanassi da a nostra religione à u minimu gradu. 
(A prima lettura d'oghje)

 

Un ringraziatu benedettu à i mo lettori americani!

 

Se vulete supportà i bisogni di a nostra famiglia,
basta à cliccà nantu à u buttone sottu è cumprende e parolle
"Per a famiglia" in a sezione di cumenti. 
Vi benedica è ti ringraziu!

 

Viaghjà cun Mark in u lu Avà Parolla,
cliccate nantu à u banner sottu per abbunà.
U vostru email ùn serà micca spartutu cù nimu.

Footnotes

Footnotes
1 Rom 6: 23
2 cf. Matt 5: 30
Posted in Home, PRINCIPIÀ DI NOU, LETTURE DI MASSA.